Al via la scuola "padres de familia"

Un'occasione di formazione al mestiere più difficile del mondo

AL VIA LA SCUOLA "PADRES DE FAMILIA"

Un'occasione di formazione importante

Il giorno 24 aprile 2024 si è registrato un evento storico al villaggio La Granadilla e, più precisamente, nel complesso della Escuela Abuelita Amelia Pavoni: per una volta, infatti, gli studenti e le studentesse non erano bambini e bambine, ragazzi e ragazze ma gli adulti, i genitori di quegli stessi studenti che la mattina frequentano gli spazi della nostra amata scuola.

Ha preso avvio, infatti, un progetto ambizioso a cui teniamo molto: la “Escuela de Padres de Familia“, cioè la Scuola dei Genitori. Indicativo, troviamo, è il fatto che a iscriversi siano state TUTTE DONNE, TUTTE MAMME.

L’obiettivo principale di questo percorso di formazione è spronare i genitori (le madri, vista la composizione della classe) a raggiungere un senso di responsabilità riguardo il ruolo che ricoprono nel processo di crescita dei propri bambini, a partire dai differenti ambiti di sviluppo.

ESCUELA DE PADRES DE FAMILIA

All’inizio della formazione, prima ancora di affrontare gli argomenti, è stato chiesto quale fosse il livello di scolarizzazione delle madri partecipandi: solo 4 mamme su 27 hanno dichiarato di aver terminato il ciclo della primaria mentre altre 12 hanno riferito di non essere proprio mai andate a scuola perché i genitori non lo avevano permesso dato che, essendo donne, si sarebbero dovute occupare solamente della casa e della famiglia. Questa, putroppo, è la situazione in cui vivono ancora tante bambine nel villaggio e contro questa credenza Sulla Strada si batte ogni giorno.

La giornata è proseguita poi con l’avvio vero e proprio delle attività, in un clima di partecipazione, entusiasmo e interesse verso l’apprendimento.

Per rispondere alla domanda “Cosa si aspettano i figli dai propri genitori?” si è utilizzata la tecnica della “sedia dei ricordi”. Prima di cominciare con questa metodologia, si è spiegato alle mamme che non erano costrette a rispondere alle domande ma si è detto loro “Ricordate che prima di essere madri siete state figlie, pensate cosa vi sarebbe piaciuto ricevere dai vostri genitori”. La nostra psicologa Maria José le ha guidate preparandole a quelle che potevano essere le conseguenze di questa attività: molte di loro, infatti, nel ricordare l’infanzia, hanno provato un senso di tristezza o nostalgia e si sono ritrovate con le lacrime agli occhi.

Poi si è affrontato il tema del dialogo con i propri figli. A domanda specifica, la maggior parte delle donne ha risposto di non riuscire a essere costanti nel dialogo con i loro figli e soprattutto di non sapere come affrontare determinati argomenti, uno su tutti l’educazione sessuale. Solo 10 di loro avevano affrontato in qualche modo l’argomento in famiglia ma con grande difficoltà.

Una convinzione che tutte le donne del corso hanno espresso con forza è stata l’importanza di far studiare i propri figli affinché possano elevarsi e sognare un futuro diverso dal loro. Un riscatto sociale che, però, parte dalla famiglia. Anche per questo l’educazione sessuale è molto importante: perché spesso l’ignoranza in materia può costringere soprattutto le ragazze ad abbandonare la scuola, come è successo a loro.

ESCUELA PADRES DE FAMILIA 3

Ma la Scuola dei genitori non si ferma certo qui: una volta al mese, fino a novembre, si svolgeranno gli incontri che affronteranno ogni volta un tema diverso. E alla fine di questo percorso riceveranno un diploma di partecipazione. A questa notizia c’è stato uno scoppio di entusiasmo perché per molte di loro questo sarà il primo diploma della loro vita!

Quest’anno festeggiamo così la festa della mamma nel villaggio La Granadilla. È stato un primo incontro davvero emozionante che ha fatto avvicinare l’Associazione Sulla Strada, tramite i propri collaboratori e le ragazze dei Corpi Civili di Pace e del Servizio Civile Universale, alle famiglie e in particolare alle madri. Sono loro, infatti, sempre in prima fila e sempre attente ai bisogni della famiglia.

Questa volta invece hanno scelto di fare un qualcosa per loro. Solo per loro.

Questo nuovo progetto ci ha fatto ricordare quando, tanti anni fa, siamo andati casa per casa per radunarle, solo le donne, e chiedere loro di raccontarci quali erano i loro desideri. Da lì, da questo incontro con le donne di Sulla Strada e le donne dei villaggi La Granadilla,  El Eden, Las Parcelas e El Cipres è nato il progetto Lei è: prendiamocene cura e poi l’Emporio de Las Mujeres.

Anni di dedizione a questo progetto, corsi di professionalizzazione, incontri di formazione con organizzazioni come AGIMS (Associazione di Donne di San Juan Sacatepéquez sopravvissute a violenze) stanno dando i loro frutti.

Ora le donne, senza difficoltà chiedono di essere formate e, soprattutto, rivendicano la loro dignità e diritto alla conoscenza.

Tutto questo è possibile anche grazie al Sostegno a Distanza: attivalo ora e sosterrai non solo un bambino ma anche la sua famiglia e la formazione dei suoi genitori. Cosa c’è di meglio per festeggiare la FESTA DELLA MAMMA?

Share This